Riconoscere la Setta - ASSOTUTOR

Vai ai contenuti
Servizi > Tutor Antiplagio
Le principali caratteristiche delle sette:
  • leadership, ovvero un leader carismatico, un capo, con forte ascendenza sugli adepti;
  • sistema valoriale ed ideologico che si traduce in pratiche e norme che regolano la vita all'interno del gruppo;
  • controllo sociale, in alcuni casi con tribunali interni per punire i trasgressori;
  • richiesta di un impegno totale dell'adepto e del suo lavoro volontario e gratuito;
  • difficoltà di vivere un rapporto familiare sereno per chi è all'interno della setta;
  • difficoltà per il familiare esterno di vivere una normale relazione affettiva con il suo congiunto che è entrato nella setta;
  • imposizione di recidere i legami con il passato e soprattutto con la famiglia d'origine.

Se le pretese del gruppo iniziano ad aumentare, chiedendo più tempo, denaro, impegno, è un campanello d'allarme.
Se il membro non riesce più ad immaginare un futuro fuori o lontano dal gruppo, per uscirne occorre l'assistenza di esperti.
Riconoscere il Capo Setta
Maestro, stregone, santone, padre, madre, mamma, guru, guida spirituale: il capo di una setta, leader carismatico del gruppo, viene chiamato e soprannominato in vari modi. Come si può individuare un capo setta? Quali sono le sue caratteristiche?
Il leader carismatico è la persona che si pone alla guida del gruppo, con un ruolo di comando nei confronti di tutti gli altri aderenti, alcuni dei quali a loro volta possono rivestire tale ruolo rispetto ad altri, specialmente i più anziani o esperti del gruppo nei confronti dei nuovi entrati, secondo una struttura gerarchica di tipo piramidale.

E' molto difficile riconoscere un reclutatore. E' una persona che cerca di capire ciò che desidera sentirsi dire chi ha di fronte, stuzzicando il suo orgoglio o il suo bisogno d'affetto. Quando ci si accorge che è solo un trucco, spesso è troppo tardi.
Col tempo i leader delle sette sviluppano sempre più il bisogno di maggior potere. Una cosa che rende queste persone così pericolose è la loro instabilità psichica e il fatto che credano veramente alla loro stessa propaganda. Non si tratta semplicemente di scaltri truffatori che vogliono arricchirsi. Molti leader non costituiscono le sette per i soldi, ma piuttosto per il potere personale e per il piacere, talvolta perverso, di esercitarlo sugli adepti.
Torna ai contenuti