Le attività:
    > Tutor Giustizia
  L'Avvocato dell'Angelo ©
  Risarcimento tempi lunghi
  Risarcimento vittime mafia
  > Tutor dei Consumatori
  Lo sportello e il Giornale
  > Tutor Antiplagio
  Sette 
  Psicosette
  Riconoscere una setta
  Riconoscere un capo setta
  Storie di sette
  Manipolazione mentale
  Tecniche di plagio
  Vittime del plagio
  Che significa plagio
  Reato di plagio
  Situazione Italia-Europa
  Libri
  Articoli
  Come uscirne


STORIE DI SETTE E PSICOSETTE


I Sullivanian

• Il Dottor Tim

• Center for Feeling Therapy

Santona di Melito

• Mamma Ebe

Le tragedie


I Sullivanian
La psicosetta dei Sullivanian nacque nel 1957 per iniziativa di un gruppo di psicologi dissidenti che si distaccarono dal William Alanson White Institute, fondato da Harry Stack Sullivan, rispettato psichiatra.
Questo gruppo, nato prima come centro terapeutico, poi diventò una comunità, o per meglio dire una setta, di cui facevano parte oltre 200 pazienti, ex pazienti e terapeuti, che fra loro si confondevano. Si racconta che nel gruppo si incoraggiava l’uso di droghe, alcol e sesso libero. Nel gruppo dei Sullivanian i bambini non dovevano avere legami troppo stretti con i genitori, per evitare che potessero subire le loro ansie, pertanto venivano educati fuori dalla famiglia, all’interno di collegi e strutture residenziali. Amy Siskind, sociologa, nata e cresciuta nella setta dei Sullivanian, nel 2003 ha scritto il libro “The Sullivanian Institute/Fourth Wall Community: The Relationship of Radical Individualism and Authoritarianism”, in cui racconta particolari sulla vita all'interno della setta e sulle modalità con cui i pazienti venivano ridotti in soggezione dai terapisti.

TORNA

Il Dottor Tim
Il Dr. Tim, psicologo clinico, fondò il gruppo nel 1971 negli Stati Uniti.
Ma n on si limitava svolgere attività terapeutica: i pazienti andavano a vivere nella sua residenza, dietro pagamento di una quota che includeva anche la terapia. Dopo essere stato accusato di abusi sui pazienti, si trasferì all’estero con il suo gruppo di circa quaranta seguaci. Uscire dalla setta non era semplice: il Dr. Tim cercava di impedire l’allontanamento con ogni mezzo, e inviava i suoi uomini all’esterno per recuperare i fuoriusciti. Per il Dr. Tim il gruppo era come una grande famiglia e perfino dopo la morte i suoi seguaci continuarono a lodarlo.

TORNA

Center for Feeling Therapy
Il Center for Feeling Therapy fu fondato nel 1971 a Los Angeles da alcuni psicoterapeuti che pian piano abbandonarono il metodo su cui era inizialmente basato il loro approccio curativo. Il centro terapeutico si trasformò gradualmente in una setta di 400 adepti, e negli anni seguenti i terapisti furono accusati di gravi reati, fra cui abusi psicologici e sessuali. Dopo nove anni, i pazienti denunciarono quanto avevano subìto, e così il Center for Feeling Therapy, che aveva la sua sede principale a Los Angeles e filiali a Boston, Honolulu, Monaco di Baviera e San Francisco, fu chiuso definitivamente nel novembre 1980. In seguito al processo, nel 1986-87 i terapisti furono radiati dagli ordini professionali e furono condannati a pagare ingenti risarcimenti.
Nella sentenza il giudice scrisse che i pazienti, accomunati da una ossessiva devozione nei confronti del leader, erano costretti a dare soldi e a fornire prestazioni sessuali o lavoro non retribuito.

TORNA

Santona di Melito
Come spesso accade nelle vicende delle sette, anche in quella della "Santona di Melito" si mescolano fanatismo e affari, religiosità e sfruttamento della credulità popolare. La storia di Rosa Mandato, la "Mamma Immacolata", inizia nel 1971, quando la santona arriva a Melito, in provincia di Napoli. Con il marito apre la prima casa di riposo per anziani, poi una a Vermicino, vicino Roma, e un'altra a Casaluce (Caserta). In questi istituti faceva benedizioni e guarigioni miracolose, e i fedeli aumentavano sempre più. Poi, nel 1988, ci furono le prime denunce di maltrattamenti e circonvenzione d'incapace. Un carabiniere infiltrato raccontò di anziani picchiati e costretti a fare il bagno in acqua gelata, strane iniezioni, morti sospette, pazienti derubati di ogni bene. Il 3 marzo del 1994 la Polizia e la Guardia di Finanza misero fine a questa triste vicenda.

TORNA

Mamma Ebe
Mamma Ebe, al secolo Gigliola Ebe Giorgini, originaria di Bologna, era la santona fondatrice dell'ordine religioso "Pia Unione di Gesù Misericordioso", che non fu mai riconosciuto dalla Chiesa. Fu arrestata nell'aprile del 1984 ed in seguito condannata per i delitti di associazione per delinquere, truffa, sequestro di persona, abbandono dei malati ed esercizio abusivo della professione medica. L'ultimo arresto risale al 2002. E' una lunga vicenda fatta di carcerazioni, processi, condanne e accuse. Nella seconda metà degli Anni '80 le vicissitudini di Mamma Ebe hanno riempito le pagine dei giornali e ispirato un film del regista Carlo Lizzani.
Nella duplice veste di santona e di imprenditrice, Mamma Ebe amministrava un impero finanziario. L'ordine religioso da lei fondato gestiva una quindicina di istituti in tutta Italia, e aveva sede a San Baronto, in provincia di Pistoia. Il processo iniziò a giugno dell'84. Molte testimonianze portarono alla luce il fanatismo religioso, presunte guarigioni miracolose e storie di ragazzi trasformati in schiavi con la promessa di una ordinazione sacerdotale, di ragazze costrette a lavorare dopo essere diventate "suore" di Mamma Ebe. Nelle cronache di quei giorni si delineò la personalità della santona, dotata di grande carisma, affamata di sesso e di denaro, con un guardaroba da regina. Un processo breve al termine del quale arrivò la condanna a 10 anni di reclusione.
Un anno e mezzo dopo iniziò il processo d'Appello che si concluse con un'altra condanna, ma la pena venne quasi dimezzata, con la concessione degli arresti domiciliari. Nell'86 un altro arresto e nel marzo dell'87 un'altra condanna ad 8 mesi di reclusione per associazione a delinquere.
Il terzo arresto nel novembre del 1988. Nonostante le due condanne precedenti la donna non aveva mai rinunciato alla sua attività, che le procurava circa cinque milioni di lire al giorno. Nel 1992 venne assolta dall'accusa di avere creato un'associazione illecita per circuire gli anziani.
Nonostante le denunce, in molti continuarono a mostrare devozione e a venerarla come una santa. Infatti, il 25 gennaio del 2002 Mamma Ebe, a 68 anni, è stata arrestata per la quarta volta con il marito, un medico ed altri 25 collaboratori. Le indagini condotte dal commissariato di Cesena hanno portato alle solite accuse: associazione per delinquere, esercizio abusivo e continuato della professione sanitaria, falso ideologico, truffa continuata per motivi abietti, maltrattamenti, sequestro di persona. Secondo l'accusa nella sua abitazione a Carpineta, sulle colline di Cesena, avrebbe allestito la sede dove curava problemi fisici e psicologici. Durante le perquisizioni sono stati ritrovati molti gioielli, oro e farmaci. I processi giudiziari sono durati molti anni
.

TORNA

Le tragedie
Ecco alcune tragedie che hanno coinvolto sette e culti negli ultimi anni:

9 agosto 1969: il primo caso che sconvolge l'America e il mondo intero. La setta satanica fondata da Charles Manson entra in guerra per liberare il mondo dai corrotti. A Los Angeles, quattro seguaci di Manson uccidono cinque persone, tra le quali Sharon Tate, 26 anni, attrice e moglie del regista Roman Polanski, strangolata con un filo di nylon. La ragazza era all'ottavo mese di gravidanza. La notte successiva la setta fa irruzione in un'altra villa e uccide altre due persone.

19 novembre 1978:
il suicidio di massa più impressionante avviene in Guyana, dove 911 membri della setta "Tempio del popolo", guidati dal reverendo Jim Jones, si tolgono la vita col cianuro. Le vittime sono uomini, donne e bambini. Il giorno precedente alcuni adepti avevano ucciso cinque persone, tra le quali il senatore statunitense Leo Ryan, che guidava una commissione d'inchiesta sulla setta.

19 settembre 1985:
sull'isola di Mindanao, nelle Filippine, 60 persone della tribù Ata si avvelenano per ordine del Gran Sacerdote Datu Mangayanon. Il santone è riuscito a convincere i suoi adepti a mangiare un miscuglio a base di pesticida. Secondo i superstiti, il santone era esasperato perchè con i suoi poteri magici non era riuscito a trasformare delle foglie secche in banconote.

29 agosto 1987:
in una fabbrica della città sudcoreana di Yonging muoiono 32 persone, strangolate o avvelenate con compresse al cianuro. Tra loro anche la fondatrice della setta, in quel momento ricercata dalla polizia per frode.

14 dicembre 1990:
in una casa di Tijuana, al confine tra Messico e Stati Uniti, 12 membri del "Tempio di Mezzogiorno" muoiono nel corso di una seduta spiritica. I cadaveri vengono trovati disposti in circolo attorno ad una altare rudimentale costruito all'interno dell'appartamento.

19 aprile 1993:
una strage seguita in diretta tv da milioni di persone avviene a Waco, in Texas, dove 84 persone della setta dei "Davidiani" e il loro santone David Koresh si uccidono appiccando il fuoco alla loro sede, una fattoria assediata da 51 giorni dalla polizia. I superstiti sono otto. Tra le vittime ci sono 17 bambini. Dopo l'estenuante assedio, le forze dell'ordine attaccano la setta con i carri armati.

11 ottobre 1993:
suicidio di massa in Vietnam, dove 53 abitanti del villaggio di Ta He si uccidono con armi da fuoco per raggiungere la felicità eterna promessa loro dal santone Ca Van Liem. Tra le vittime anche 19 bambini.

5 ottobre 1994:
una duplice tragedia avviene in Svizzera, nella setta del "Tempio del Sole" guidata dal medico belga Luc Jouret. Nella stessa notte prendono fuoco due chalet, a Salvan e a Cheiry, distanti 200 chilometri l'uno dall'altro. Quando le fiamme si spengono, tra le rovine della prima villa vengono trovati 25 cadaveri, nella seconda 23, tutti seguaci di Jouret. Sempre nella stessa notte in Canada brucia un altro appartamento di proprietà di Jouret, causando altre 25 vittime.

20 marzo 1995:
la setta neobuddista giapponese Aum Shinrikyo, guidata dal santone Shoko Asahara, fa strage nella metropolitana di Tokyo usando il micidiale gas Sarin. Le vittime sono 11, ma avrebbe potuto essere una strage di dimensioni apocalittiche. Gli intossicati sono 5.000.

23 dicembre 1995:
ancora la setta del Tempio del Sole, poco più di un anno dal suicidio collettivo in Svizzera, causa altri 16 morti, questa volta in una foresta a est di Grenoble, sulle Alpi francesi. I corpi carbonizzati sono stati ritrovati disposti in cerchio intorno ad un altare. Tra di loro anche 3 bambini.

27 marzo 1997:
all'interno di una villa di S. Diego (California), 39 appartenenti alla setta tecnologica-esoterica Heaven's Gate (detta anche Higher Source) si uccidono.

TORNA

 

 
  L'associazione:
Amici di Tutor
  Chi siamo
  Dove siamo
  Organizzazione
  FinalitÓ
  Bilancio trasparente
  Dicono di Tutor
  Sostieni l'associazione
   
   
   
 
   
   
   
   
   
 

© Copyright Associazione Tutor Onlus 2006 – Diritti riservati


diventa tutor Associazione Tutor